fbpx

Formati

Personal Goal Setting: come definire obiettivi personali

PERSONAL GOAL SETTING - come definire obiettivi personali.odt

INDICE

Introduzione

Esiste una forte correlazione tra auto-motivazione, obiettivi personali e risultati. Per essere adeguatamente motivati, e anzi per ottenerli, aiuta passare un po’ di tempo a pensare ai tuoi obiettivi personali e a ciò che vuoi ottenere nella tua vita. Abbiamo tutti un innato desiderio di raggiungerli. Ciò che vogliamo ottenere, tuttavia, è personale per noi e può cambiare nel corso della vita. A scuola, ad esempio, potresti voler ottenere buoni voti, poi in seguito potresti voler superare l’esame di guida o trovare un lavoro. È importante quindi stabilire obiettivi chiari se desideri realizzare le tue ambizioni.

L’importanza della definizione degli obiettivi personali si riduce sostanzialmente a due aspetti fondamentali: prendere il controllo della propria vita e ottimizzare la produttività. Se non hai obiettivi nella tua vita, sarai fondamentalmente alla deriva. Questo può effettivamente sembrare rilassante a breve termine: non devi prendere decisioni difficili lungo la tua strada, ma potrai prendere le cose come vengono.

Sfortunatamente, è anche abbastanza rischioso a lungo termine. Se in seguito decidi di voler essere davvero altrove, cambiare direzione potrebbe essere molto più difficile. Ad esempio, quando ti rendi conto che il tuo lavoro comodo e incontrastato non ti soddisferà o ti sosterrà fino al pensionamento, un cambiamento di carriera potrebbe non essere più così facile. Sarai anche molto più produttivo per quanto riguarda gli obiettivi scelti. La ricerca ha dimostrato che le persone che fissano gli obiettivi hanno molte più probabilità di raggiungerli. Aver definito i tuoi obiettivi ti dà concentrazione. Puoi bilanciare più facilmente le responsabilità quotidiane, riconoscere ciò che promuove i tuoi interessi ed essere generalmente meno controllato dagli impulsi. Nota che tutto ciò non implica che devi trasformarti in un maniaco del lavoro.

Lo scopo della definizione degli obiettivi personali è prendere il controllo della tua vita e trarne il massimo. Sta a te scegliere un’intensità giusta per te. Va benissimo fissare obiettivi che vadano di pari passo con uno stile di vita piacevole. L’importante è che tu prenda una decisione strategica per farlo. Perché altrimenti, le circostanze decideranno per te, il che raramente sarà nel tuo migliore interesse.

Stabilire obiettivi personali non è dunque una sorta di magia che realizzerà immediatamente tutti i tuoi sogni. Naturalmente, gli obiettivi personali richiedono impegno ed azione. Questi però hanno un enorme potere di dare significato a una routine quotidiana e trasformare la tua vita in meglio. Questo è ciò che rende gli obiettivi personali un attributo comune di una vita felice e appagante. Ma qual è il modo migliore per creare obiettivi di sviluppo personale?

Come prima cosa, è importante definire cosa vuoi ottenere. I tuoi obiettivi personali devono quindi essere allineati con i tuoi valori ed essere qualcosa che desideri profondamente.

Nietzsche diceva: “Chi ha un perché per vivere può sopportare quasi ogni come.”

Quindi, è necessario creare un piano su come ottenere ciò che si desidera. Ed infine, bisogna lavorare costantemente alla realizzazione del proprio piano.

Impostare obiettivi personali

Stabilire obiettivi personali può aiutarti a migliorare qualsiasi aspetto di te stesso o della tua vita. Anche se hai un’immagine perfetta nella tua testa e ti senti motivato al 100%, l’impostazione di un obiettivo fa un’enorme differenza. Ecco i motivi principali per cui è consigliato impostare obiettivi personali:

Sei tu a comandare: è facile presumere che possiamo fare tutto e anche di più. Gli obiettivi personali ti costringono ad assumerti la responsabilità degli sforzi e dei progressi effettivi;

Vedi i piccoli passi che portano a un quadro generale: i grandi obiettivi possono essere spaventosi. Ecco perché è necessario suddividerli in passaggi chiari e gestibili. In questo modo, hai una chiara road map che ti guida su come affrontare la tua sfida. Ti evita anche di sentirti sopraffatto e aiuta a superare la paura di fallire;

Ti consente di celebrare piccole vittorie: stabilire un obiettivo formale e compiere i passi necessari per raggiungerlo è un risultato in sé. Passare da un passaggio all’altro motiva e installa la convinzione di poter raggiungere il tuo obiettivo.

Scegliere gli obiettivi personali

La maggior parte delle persone evita di fissare obiettivi personali perché semplicemente non sa cosa vuole. E’ per questo motivo che il primo passo è pensare a lungo e intensamente cosa vuoi dalla tua vita. La prima tecnica per aiutarti a determinare ciò che desideri e di cui hai bisogno nella tua vita consiste nel porsi quattro domande:

Quale aspetto della tua vita vorresti cambiare di più?

Perché vorresti cambiare proprio questo?

Come ti farà sentire quel cambiamento? Determina quindi cosa ti farà sentire esattamente in questo modo

Infine, chiediti: come puoi farlo accadere? Poi fallo diventare il tuo obiettivo personale

Un’altra tecnica è quella del grafico Life Balance. Questa tecnica consiste nel disegnare un piccolo grafico. Annota ciascuna delle varie aree della tua vita – famiglia, salute, sviluppo personale, riposo, carriera, finanze, relazioni, spiritualità – in una nuova colonna o riga. Inizia valutando il tuo attuale livello di felicità in ciascuna di queste categorie assegnandogli un punteggio da 1 a 10. Adesso pensa a cosa ti renderà pienamente soddisfatto di quest’area in modo da poter assegnare 10 punti su 10 ad essa. Annota le tue idee: sarai in grado di trasformarle in progetti personali.

Un’altra tecnica ancora invece ti invita a usare un po’ di immaginazione. Ad esempio, potresti immaginare di leggere il libro della tua vita. Immagina che una persona con una vita identica alla tua sia venuta da te chiedendoti un consiglio, qualcosa che tutti noi amiamo dare. Forniscigli i tuoi consigli utilizzando risposte come “Perché non lo fai …?” e “È ora che tu …”. Un’altra situazione immaginaria che ti aiuterà a dare un nuovo sguardo alla tua vita è uno scenario di “perdita di memoria”. Immagina di non conoscere le ragioni delle tue decisioni precedenti e di non dover seguire alcun piano precedente. Pensa a cosa farai adesso. Come vivrai ulteriormente.

 

Definisci i tuoi obiettivi personali

Dopo aver trovato diverse idee per scegliere i tuoi obiettivi personali, è il momento di definirli utilizzando criteri SMART. Un obiettivo personale SMART dovrebbe essere:

Specifico: rendi i tuoi obiettivi chiari e ben definiti. “Fare un viaggio di due settimane in Europa il prossimo maggio” è più specifico che “viaggiare di più”;

Misurabile: evita nozioni astratte, dovresti essere in grado di spuntare “fatto” qualsiasi obiettivo che ti sei prefissato così come ogni passo che comporta;

Realizzabile: pensa se l’obiettivo dipendesse da qualcosa che non puoi influenzare. Assicurati di avere abbastanza tempo e risorse (denaro, tempo libero, energia) per raggiungerlo;

Rilevante: i tuoi obiettivi personali dovrebbero essere pertinenti ai tuoi obiettivi di vita e sentirti gratificato;

A tempo: imposta una scadenza per il raggiungimento di ogni obiettivo e sotto-obiettivo. Senza un chiaro limite di tempo, un obiettivo si trasforma in un puro sogno che speri di realizzare in qualsiasi altro giorno.

Come passaggio finale, verifica il tuo obiettivo per gli interessi di terze parti. Il tuo obiettivo deve essere il tuo obiettivo personale, non l’obiettivo dei tuoi genitori, del tuo coniuge o della società. Se comprare una grande casa o essere promossi non è il tuo sogno, non farne il tuo obiettivo di sviluppo personale. Quindi, chiediti francamente: “Lo voglio davvero?”, “Questo mi renderà felice?”

Dare priorita’ ai propri obiettivi

Dopo un’analisi approfondita, potresti trovare diversi obiettivi di sviluppo personale che vorresti impostare. Tuttavia, perseguire diversi obiettivi contemporaneamente è travolgente e scoraggiante. Pertanto, devi stabilire delle priorità e concentrarti sullo sviluppo di un aspetto della tua vita alla volta. Per decidere su quale obiettivo vuoi lavorare per primo, votali da 1 a 10 a seconda di quanto sono importanti per te. Gli obiettivi con il punteggio più alto dovrebbero essere la tua priorità per ora. Un altro modo per dare la priorità agli obiettivi personali è collegare i risultati desiderati come cause ed effetti. Vedrai che alcuni obiettivi alleggeriranno gli altri. Per esempio: Se prendo una formazione professionale (1 ° obiettivo) … sarò in grado di guadagnare di più spendendo meno tempo lavorando (2 ° obiettivo) … Così, potrò passare più tempo con la mia famiglia (3 ° obiettivo) e prendere lezioni di pianoforte (4 ° obiettivo).

Quindi, inizia con quegli obiettivi che iniziano la tua catena di causa ed effetto. Non fare la tua scelta dell’obiettivo prioritario solo in base alla logica. Prenditi del tempo per riflettere su come ti senti riguardo ai tuoi obiettivi. A quale obiettivo pensi più spesso? Quale risultato ti renderà più orgoglioso e soddisfatto? C’è un’idea che ti balena in mente tutto il tempo?

Crea il tuo piano di sviluppo personale

Il prossimo passo per stabilire un obiettivo sarà suddividerlo in attività e creare un piano di lavoro. Ogni attività dovrebbe essere specifica e avere una scadenza. Scrivili così da monitorare le tue prestazioni ed aumentare l’impegno verso il tuo obiettivo. È come accettare pubblicamente una sfida: non puoi semplicemente ignorarla o fingere di non aver mai fissato un obiettivo. Quando scrivi, usa un linguaggio positivo. Ha un grande impatto sulle tue aspettative su te stesso. Usa il tempo presente e le frasi in prima persona, ad es. “Faccio una sana colazione”. Questo aiuterà il tuo cervello a dipingere l’immagine giusta e ti farà sentire che il tuo obiettivo è raggiungibile. Dipende da te dove e come gestire il tuo piano. Puoi utilizzare un taccuino, un diario, un file di Fogli Google o uno strumento di pianificazione online. Assegna un’attività relativa all’obiettivo per ogni giorno mettendola in cima ad altri piani giornalieri. Oppure scegli un giorno alla settimana interamente per le attività relative al tuo obiettivo.

 

Rifletti su ogni obiettivo stabilito

Rifletti sulla tua performance alla fine di ogni giorno/settimana. Chiediti: “Perché non sono riuscito a completare l’attività che ho impostato per oggi?” e quindi rivedi il tuo piano per il giorno/settimana successivo di conseguenza. Per essere veramente produttivo, fai della riflessione un’attività pianificata. Pianifica attività che consentano di rilevare risultati positivi nei primi due mesi. Questo è molto importante per la motivazione e la formazione di un’abitudine. Allo stesso tempo, il completamento stesso delle attività è un risultato prezioso che merita una celebrazione. Per rendere la celebrazione del successo parte della tua routine, decidi una ricompensa che ti darai. Puoi farlo quando hai trascorso l’intera settimana/mese a completare costantemente tutte le attività. Un modo divertente per farlo è anche scrivere una lettera della parola “ECCELLENTE” ogni giorno quando completi l’attività pianificata. Quando sei stato in cima alle tue attività per tutti i 9 giorni, cancella la parola e fatti un regalo. Quando un giorno interrompi il flusso, cancella l’inizio della parola e ricomincia.

Esempi di obiettivi personali

Obiettivi accademici: essi si riferiscono all’istruzione o alla qualifica che desideri ottenere. Ad esempio, potrebbe essere: ricevere un diploma o un certificato, ottenere una formazione professionale o un’esperienza pratica o sviluppare determinate abilità o abitudini. Questa non deve essere necessariamente un’abilità di cui avrai bisogno per il lavoro o sarai in grado di monetizzare. Ad esempio, potresti voler sviluppare un’abitudine alla lettura che ti renderà uno studente per tutta la vita.

Obiettivi di carriera: questi riguardano il lavoro. Insieme all’obiettivo più comune di essere promossi e scalare la scala aziendale, potresti voler ottenere un lavoro più remunerativo, essere impiegato in un altro settore o ridurre il numero di ore lavorative. Quando stabilisci gli obiettivi di carriera, considera tutto ciò che dovrai sacrificare (non solo guadagnare) per raggiungere i tuoi obiettivi. Un lavoro più retribuito spesso significa più stress e orari frenetici. È qualcosa per cui sei pronto?

Obiettivi monetari: questi sono legati alla tua vita finanziaria. Alcuni esempi sono: Ottenere un aumento di stipendio o una promozione, effettuare un investimento importante come acquistare proprietà immobiliari o investire un importo quantificabile in borsa, o raggiungere una certa somma di risparmio. In una società consumistica, è molto facile fare del denaro un obiettivo in sé. La verità è che il denaro non porta felicità o appagamento. Se ti senti come se fossi stato impegnato in obiettivi monetari per la maggior parte della tua vita, pensa invece a imparare il minimalismo.

Obiettivi della relazione: pensa a come puoi investire in essi per contribuire a un cambiamento positivo. Ad esempio, i tuoi obiettivi potrebbero essere fare un complimento al tuo coniuge ogni giorno e organizzare una piacevole sorpresa due volte al mese, incontrare i tuoi amici almeno una volta al mese, chiamare i tuoi genitori ogni domenica. La teoria di Gary Chapman sulle cinque lingue per comunicare l’amore potrebbe aiutarti a decidere quali risoluzioni devi prendere. Secondo Chapman, il nutrimento delle relazioni inizia con il dare alle altre persone ciò che apprezzano di più: tempo di qualità, parole di affermazione, doni, atti di servizio o tocco fisico. Una volta che sai cosa vogliono e di cui hanno bisogno il tuo coniuge oi tuoi figli, impegnati a darlo stabilendo un obiettivo personale corrispondente.

Obiettivi di fitness: essi riguardano la salute. Alcuni esempi sono: Mettersi in forma, perdere peso naturalmente, stabilire una buona routine quotidiana, effettuare controlli sanitari regolari. Assicurati di consultare specialisti e fonti credibili, poiché seguire i tuoi sogni e le tue ipotesi potrebbe fare più male che bene alla tua salute.

Obiettivi spirituali: possono essere qualsiasi cosa correlata al tuo mondo interiore. Ad esempio, per rafforzare la tua vita spirituale, potresti impegnarti nello sviluppo dell’intelletto emotivo, rafforzare le tue convinzioni religiose e seguire determinate pratiche religiose, o ancora fare volontariato e beneficenza. Qualunque cosa tu scelga, assicurati che sia qualcosa che desideri e di cui hai bisogno, non qualcosa che suoni bene.

Conclusione

Che tu voglia essere un dipendente migliore o un genitore migliore, si tratta solo di stabilire un obiettivo personale e di rispettarlo. Non importa quanto tempo e quanto impegno impiegheranno. Lo stesso processo per perseguirli è molto gratificante, poiché ti fa capire i tuoi progressi ogni giorno. Ma attenzione: di tanto in tanto devi rivedere i tuoi obiettivi personali. Non essere intrappolato in un obiettivo solo perché era quello che volevi 2 anni fa. I tuoi obiettivi dovrebbero evolversi con te. Il modo migliore per rivedere i tuoi obiettivi personali è quindi attraverso revisioni settimanali. In queste revisioni settimanali, è importante ripassare tutto quello che è stato fatto e sentito durante la settimana. Inoltre, vai oltre i tuoi obiettivi e come li stai perseguendo. Se senti che non vale più la pena perseguire un obiettivo, lascialo cadere e stabilisci nuove priorità. Prendi l’abitudine dunque di mettere in discussione i tuoi obiettivi personali. Può essere spaventoso e faticoso pensare costantemente ai tuoi obiettivi. Ma se non lo fai, sprecherai il tuo tempo a perseguire obiettivi che non volevi in ​​primo luogo.

Un obiettivo non è il culmine del viaggio della tua vita. Piuttosto, è una pietra miliare che ti motiva ad agire ogni giorno.

E tu? Quanto sei bravo a gestire il tuo tempo?

Scopri il mio servizio di Performance Coaching.

Fonti bibliografiche

  • Lee, Thomas W. Locke, Edwin A. Latham, Gary P., Goal setting theory and job performance., 1989
  • Pritchard, Bigby, Beiting, Coversdale, Enhancing Productivity through Feedback and Goal Setting, 1981
  • ROBERT D . PRITCHARD , BRANDON L . YOUNG , NICK KOENIG, Long-Term Effects of Goal Setting on Performance with the Productivity Measurement and Enhancement System (ProMES), 2012
  • Christina E. Shalley, Effects of Coaction, Expected Evaluation, and Goal Setting on Creativity and Productivity, 2017
  • Lunenburg, Goal-Setting Theory of Motivation, 2011
  • Oettingen, Gabriele; Gollwitzer, Peter M., Goal setting and goal striving, 2011

 

Approfondimenti suggeriti

I libri per raggiungere i propri obiettivi

Digita sul titolo o sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

RIMANI AGGIORNATO

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"
Ricevi aggiornamenti e contenuti riservati.

GESTIONE DEL TEMPO
e
ORGANIZZAZIONE PERSONALE

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"

Scopri il PERCORSO PRODUTTIVITA' per ottenere più risultati in meno tempo.

Share via
Copy link