fbpx

Formati

Attenzione al multitasking: devasta la tua produttività

Attenzione al multitasking - sta devastando la tua produttività (titolo)

INDICE

Sei al lavoro e il tuo collega ti interrompe. Gli rispondi e torni al lavoro quando il telefono emette un segnale acustico. Quando hai finito con la chiamata, devi correre in una riunione. Anche tu vivi giornate così? Anche tu cerchi di trovare la concentrazione in un mondo pieno di distrazioni?

In questo articolo imparerai a concentrarti su un’attività alla volta. Conoscerai la scienza alla base del multitasking e il suo effetto sulla tua produttività. Questa consapevolezza contribuirà al tuo successo di lungo termine.

Quando partecipi a una videoconferenza, cosa fai durante la riunione? Stai rispondendo a un’e-mail o analizzando una segnalazione o scrivendo informazioni in un file? Il multitasking su varie attività è una pratica comune nella tua routine quotidiana?

Lascia un commento su che tipo di attività svolgi in multitasking.

Il multitasking ti aiuta a fare di più, a fare attenzione alla riunione e a completare le attività, giusto? Sbagliato!

Se davvero sei stato in grado di prestare attenzione alla chiamata e all’attività che stavi svolgendo contemporaneamente, perché dici “Scusa, cosa c’è di nuovo?” quando qualcuno ti fa una domanda su ciò che è stato detto nella videocall un momento fa?

Questo articolo è il passaggio 8 – 7 motivi per cui il multitasking mi è costato la fase 2: guadagna slancio con la routine della trasformazione in 3 fasi in produttività sovrumana. Puoi iniziare direttamente dal passaggio 1 accedendo all’indice qui – Trasformazione in 3 fasi in Vivere i tuoi sogni.

Categorie di multitasking

Allora, cosa è il multitasking? Bene, sappiamo tutti cos’è il multitasking, senza bisogno di grandi presentazioni. Tuttavia, i diversi modi in cui puoi svolgere il multitasking non sono sempre molto evidenti.

Il multitasking può essere classificato principalmente in 2 tipi:

1 Svolgere due attività contemporaneamente: parlare al telefono e friggere una frittata.

2 Passare da un’attività all’altra senza completare la prima attività: stai lavorando alla pianificazione dell tuo progetto quando ricevi una notifica e-mail che un collega richiede un file che si trova proprio sul tuo desktop e glielo invii.

Tutti noi viviamo entrembi le situazioni su base giornaliera. Se sei come la maggior parte delle persone, sceglierai il multitasking. In un mondo di distrazioni, passare da una cosa all’altra sembra la cosa più semplice ed efficiente da fare.

Ma non è!

 

Perché il multitasking fa male al tuo cervello

Una verità poco conosciuta è che i nostri cervelli semplicemente non sono cablati per il multitasking. Infatti, secondo le stime, solo il 2% della popolazione mondiale può svolgere efficacemente il multitasking. La parte divertente, tuttavia, è che le persone che fanno parte di quel 2% sono le meno propense a svolgere più attività, cioè che lo fanno meno spesso.

Ironia della sorte, è vero il contrario: le persone che svolge in modo inefficiente il multitasking sono quelle che lo utilizzano più spesso. È un errore comune credere che io e te facciamo parte di quel 2%.

Nulla contro di te. È solo perché matematicamente le probabilità ci sono contro.

Sono state condotte tonnellate di ricerche per dimostrare che il multitasking è dannoso e porta alla perdita di produttività. Pensare di ottenere di più dal multitasking è un mito che è stato a lungo smentito. Ti dà solo una falsa illusione di aver completato un sacco di compiti. In realtà, eseguirli uno dopo l’altro avrebbe prodotto risultati più rapidi.

 

Gli effetti negativi del multitasking

Pensiamo che passare da un’attività all’altra sia un semplice passaggio. In realtà, non è così semplice come pensi.

Sei al lavoro, svolgi il tuo lavoro mentre rispondi a un messaggio ogni 5 minuti. Quanto male potrebbe fare un piccolo messaggio di testo, giusto?

Lascia che ti dica quanto impatto provoca un piccolo messaggio di testo. Senti che ogni testo consuma intervalli di tempo molto piccoli, ma si sommano fino a una quantità enorme. Inoltre, dopo aver controllato il telefono, rimetterlo sulla scrivania e tornare al lavoro, i residui di attenzione richiedono tempo aggiuntivo.

Questo perché dopo aver controllato il telefono, la distrazione non finisce qui. I pensieri su ciò che hai appena visto al telefono rimangono per un po’. Quando torni al lavoro, la tua concentrazione sul compito è ostacolata a causa di questi pensieri residui.

Lascia che ti dia alcuni numeri. Supponiamo che controlli il telefono 10 o più volte all’ora, che è un evento piuttosto comune nel mondo attuale. Spendi circa 1 ogni volta per controllare il telefono e 1 minuto per i residui di attenzione. In totale, finisci per perdere 20 minuti ogni ora, il 33% delle volte.

IL MITO DEL MULTITASKING

Multitasking e cognizione

Il cambio di attività coinvolge più aree del cervello. Mentre un passaggio di per sé potrebbe richiedere solo una frazione di secondo, la diluizione del focus può portare anche al 40% della perdita di produttività durante l’intera giornata.

A livello cognitivo, puoi fare una azione alla volta, solo una. Il tuo cervello cosciente può concentrarsi solo su una cosa alla volta. Puoi ascoltare o leggere, puoi parlare o digitare, puoi pensare o scrivere (argomento non correlato al pensiero).

È solo un falso mito che possiamo svolgere più attività insieme. L’unica eccezione è quando sei così abituato a svolgere un compito che il tuo subconscio lo fa con il pilota automatico. È possibile svolgere un compito cognitivo mentre inconsciamente esegui anche un altro compito. Ad esempio, puoi parlare al telefono e camminare o puoi pensare mentre ti allacci i lacci delle scarpe. Questo perché uno di questi compiti, come camminare o allacciarsi i lacci, viene eseguito inconsciamente senza alcun pensiero cosciente.

Ma il multitasking non è possibile quando esegui due attività, entrambe le quali richiedono che tu pensi.

Se ritieni di essere così bravo nel multitasking, prova a tenere una conversazione (di persona o al telefono) e rispondi a un’e-mail che richiede un po’ di riflessione. Ti garantisco che non puoi fare entrambe le cose insieme in modo efficace.

 

La guida non è completamente inconscia

Né puoi guidare mentre scrivi o parli al telefono. Aspetta, pensavo che guidare fosse inconscio e hai detto che avrei potuto svolgere un compito cognitivo contemporaneamente. Perché non posso parlare al telefono mentre guido?

Se è vero: perché le persone continuano a sbattere contro le altre auto mentre sono alla guida e al telefono?

Se è vero che guidare è un’azione inconscia, la reazione a una situazione sconosciuta non lo è. Puoi parlare al telefono mentre guidi quando la strada è dritta e non ci sono semafori, rotonde, niente traffico.

Se si verifica una situazione inaspettata, come il ragazzo davanti frena improvvisamente o il conducente nella corsia successiva invade la tua, la tua reazione ad una situazione simile non è guidata dal subconscio. Richiede che il tuo cervello cosciente prenda una decisione rapida. Devi passare da un compito cognitivo, come parlare al telefono, a reagire ad una frenata improvvisa. Questo richiede una frazione di secondo. La piccola frazione, per quanto piccola possa sembrare, è la ragione dietro la vita e la morte in molte occasioni.

Se pensi che usare le mani libere durante la guida sia sicuro, ti sbagli gravemente!

 

Esercizio: interrompi il multitasking per aumentare la produttività

Per fare le cose più velocemente, fatti un favore e smetti di fare più cose contemporaneamente. Segui il modello di Deep Work facendo una cosa alla volta. Cerca di concentrarti su un compito a portata di mano, portalo a termine e poi passa a quello successivo. Purtroppo non è raro avere un improvviso lampo di memoria in cui ricordi un compito che dovevi completare.

Evita la tentazione di svolgere il compito in quel momento, a meno che non sia proprio una necessità. Nella maggior parte dei casi, non uccede nulla se completi l’attività in un secondo momento. Quindi scrivilo (taccuino, file, to-do-list) per aiutarti a ricordarlo in seguito.

Come esercizio, da ora in poi devi lavorare su un solo compito alla volta.

Abbiamo tutti situazioni in cui qualcuno si avvicina a te chiedendoti qualcosa. Se hai seguito le regole per eliminare le distrazioni, avresti dovuto innanzitutto tentare di ridurre al minimo l’accesso al tuo tempo durante l’orario di lavoro concentrato. Anche dopo i tentativi di accesso limitato, se non sei stato in grado di impedire alle persone di contattarti, informali cortesemente che tornerai da loro entro un tempo specificato. Qualsiasi persona sana di mente non si preoccuperà. Se lo fa, ignorarlo era comunque la cosa giusta da fare.

Ricorda il mantra d’ora in poi: niente multitasking. Ogni volta che provi a fare di più con il multitasking, stai solo facendo meno lavoro.

 

Domande frequenti

Il multitasking è buono o cattivo?

Il multitasking è utile quando un’attività può essere svolta facilmente senza alcun pensiero, come fare jogging o cuocere la pasta. Se fai più cose contemporaneamente scrivendo un’e-mail e tenendo una conversazione, ti renderai conto degli effetti negativi del provare a fare molte cose contemporaneamente.

 

Il multitasking è possibile o non esiste affatto?

Solo il 2% della popolazione mondiale può svolgere più attività contemporaneamente senza influire sulla produttività. È probabile che questo 2% non sia nemmeno consapevole delle proprie capacità. DI sicuro sono tutte donne…ahahahah 😉

 

Quali sono gli effetti del multitasking sul posto di lavoro?

Facendo multitasking sul posto di lavoro, potresti creare l’impressione di fare molto. Ma la tua produttività subisce un riduzione a tua insaputa. Otterrai più risultati facendo una cosa alla volta.

 

Conclusione

In questo articolo, hai imparato come funziona il multitasking per un essere umano. Ora ti sei reso conto di quanto il multitasking sia dannoso per la tua produttività.

Andando avanti, devi mirare a lavorare su un compito alla volta con un’alta concentrazione. Non è facile da fare quando inizi; ma tutto è difficile prima di essere facile, anche camminare per un bimbo. Lavora per entrare velocemente nel “deep work” (lavoro profondo). Non potrai lavorare in modo efficiente in nessun altro modo.

Lascia un commento su cosa intendi cambiare del tuo stile di lavoro multitasking.

Questo articolo è il passaggio 8 – 7 motivi per cui il multitasking mi è costato la fase 2: guadagna slancio con la routine della trasformazione in 3 fasi in produttività sovrumana. Puoi iniziare direttamente dal passaggio 1 accedendo all’indice qui.

E tu? Quanto sei bravo a gestire il tuo tempo?

Scopri il mio servizio di Performance Coaching.

Fonti bibliografiche

  • Thomas Buser & Noemi Peter, Multitasking 2012
  • Rosen, The Myth of Multitasking, 2008
  • Di Dario D. Salvucci, Niels A. Taatgen, The Multitasking Mind, 2010
  • Spink, Cole, Waller, Multitasking Behavior, 2008

 

Approfondimenti suggeriti

I libri per migliorare le proprie abitudini

Digita sul titolo o sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

RIMANI AGGIORNATO

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"
Ricevi aggiornamenti e contenuti riservati.

GESTIONE DEL TEMPO
e
ORGANIZZAZIONE PERSONALE

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"

Scopri il PERCORSO PRODUTTIVITA' per ottenere più risultati in meno tempo.

Share via
Copy link