fbpx

Come e perché essere puntuali

Come e perché essere puntuali

INDICE

La puntualità è un punto dolente per molti.

“Sarò lì tra 15 minuti”, hai detto. Ma sai benissimo che hai bisogno di almeno 30 minuti o più. Non avevi bisogno di mentire, ma l’hai fatto. Se dicessi la verità, nessuno ti aspetterebbe, ma non l’hai fatto. Perché?

In questo articolo imparerai l’importanza della puntualità. Presumi di conoscere i danni causati dall’essere spesso in ritardo. Dopo aver letto ti renderai conto di quanto ti sei sbagliato. Essere spesso in ritardo ha un impatto significativo sulla tua crescita, sugli obiettivi e sulle relazioni. Imparerai modi per superare l’abitudine cronica di arrivare in ritardo.

“Sarò lì tra 15 minuti.”

Sono sicuro che hai sentito la frase sopra, vero? Conosci molte persone che sono in ritardo per ogni occasione. O sei tu la persona che è sempre in ritardo?

Che sia tu stesso o il tuo amico, tutti i ritardatari hanno una cosa in comune. Hanno uno zaino pieno di ragioni e scuse, accumulate nelle milioni di occasioni per cui sono arrivate in ritardo. Che si tratti di traffico ingolfato, di dover far cadere un amico o di non suonare l’allarme, una giustificazione è subito pronta.

Essere in ritardo una volta ogni tanto è normale. Capita di avere imprevisti, una gomma a terra, una faccenda non preventivata che si presenta e così via. Se la tua abitudine di arrivare in ritardo è diventata abituale e le ragioni menzionate sono diventate la storia di tutti i giorni, hai un problema da risolvere.

La mentalità della puntualità

Essere puntuali inizia nella mente. Essere in ritardo ha meno a che fare con le circostanze che devi affrontare. Si dice: “la puntualità è la gentilezza dei re.” Se sei puntuale o in ritardo dipende da cosa hai in mente. Se vuoi essere puntuale, troverai un modo. D’altra parte, se credi che sia giusto essere un po’ in ritardo, presumerai che le circostanze ti stiano facendo arrivare in ritardo.

Il segreto per una gestione efficace del tempo parte dalla puntualità. Questo vale sia al lavoro che al di fuori del lavoro.

Sei la persona che si presenta in ritardo quando incontra gli amici? Rispondi a una telefonata dicendo “Sarò lì tra 15 minuti” quando sei ben consapevole che hai bisogno di più di 30 minuti per farlo?

Il ritardo è sia un’abitudine che una malattia, contagiosa. Con il tempo, le persone iniziano a presentarsi in ritardo alle riunioni, perché sanno che comunque farai tardi. Presentarsi tardi in ogni occasione è anche chiamata sindrome da ritardo cronico.

Come ti guardano gli altri quando sei in ritardo

Sai cosa comunica di te il fatto di essere in ritardo? Facciamo un esempio e guardiamo l’altro lato della storia.

Se hai un appuntamento con il tuo dentista alle 11:00 e si presenta solo alle 11:30, non sei irritato? Non senti che bisogno c’era di un appuntamento se non poteva arrivare in tempo? Non senti che stai sprecando il tuo tempo mentre il dentista valuta il suo tempo più del tuo?

È esattamente come si sentono gli altri quando sei in ritardo tu. Arrivare in ritardo è irrispettoso.

Se non puoi onorare un impegno di tempo, è impossibile per te essere efficace nella gestione del tempo. Se sei in ritardo ogni giorno, ciò implica due cose.

  1. manca la disciplina per presentarsi in tempo

  2. mancanza di rispetto per il tempo dell’altro / i individuo / i

Quando continui ad essere in ritardo tante volte, finirai per essere una persona che non viene presa sul serio. Se le persone scherzano sulle tue abitudini in ritardo, non essere orgoglioso di te stesso.

Il problema più grande di essere spesso in ritardo

Se tutto quanto sopra detto di essere in ritardo non fosse abbastanza grave, ecco il danno più importante che causi a te stesso ogni volta che sei in ritardo.

Ogni volta che non onori la tua parola, inconsciamente perdi il rispetto per te stesso. Più lo fai, più convinci la tua mente che è accettabile arrivare in ritardo.

Nel tempo, la tua mente impara che non onorare un impegno di tempo è un evento comune. Presto, la mente traduce la stessa convinzione negli obiettivi che ti sei prefissato. Ti convinci mentalmente che essere in ritardo con i tuoi obiettivi è accettabile. Risultato finale: continui a posticipare per sempre i tuoi obiettivi.

Questo colpisce un accordo adesso?

Ricorda, ogni volta che ti presenti in ritardo, stai ostacolando te stesso più di ogni altra cosa.

Se hai difficoltà a gestire bene il tuo tempo, inizia a essere puntuale su tutto. Una gestione efficace del tempo è più un’abitudine, una mentalità e uno stile di vita. Non è un processo da seguire.

Non è necessario leggere un libro o ascoltare i consigli degli esperti per essere puntuali. È semplice buon senso. Se prevedi il traffico, parti un po’ prima. Se non ti svegli sempre alla prima sveglia, imposta una seconda sveglia. Sai già cosa ci vuole per essere puntuali. Hai solo bisogno della disciplina di applicare ciò che sai nella pratica.

Quando è accettabile arrivare in ritardo e quando non lo è

D’ora in poi ci occuperemo di assicurarci che tu sia sempre puntuale. Prima di arrivarci, consideriamo gli scenari in cui è accettabile essere in ritardo e quando non lo è.

Il ritardo senza conseguenze

Se non fa differenza per nessuno o per la situazione in sè, potrebbe essere accettabile essere in ritardo. Ad esempio, se il tuo gruppo di amici sta raggiungendo una festa una sera, e non hai un appuntamento, è accettabile arrivare in ritardo.

Questo perché il tuo arrivo in ritardo non interrompe il flusso di eventi. I tuoi amici possono iniziare e tu puoi unirti a loro un po’ più tardi. Anche se si raccomanda di non arrivare mai in ritardo per il tuo bene come accennato in precedenza, almeno nessun’altra persona nella stanza si offenderà perché non hai rispettato il loro tempo.

Il ritardo con conseguenze

Se la situazione richiede la tua presenza per iniziare o per procedere, è inaccettabile arrivare in ritardo. Per esempio:

  • ti stai incontrando con una persona

  • fai parte di una riunione che ha più persone che possono iniziare senza di te, ma il tuo contributo è necessario affinché la riunione sia efficace

  • stai andando a una festa con un gruppo di amici, ma hai tu le chiavi del locale, hai tu le bibite o il cibo

  • partecipi ad una riunione in cui il tuo contributo non è cruciale, ma arrivi in ritardo, distraendo il flusso della riunione.

Esercizio: il voto di puntualità

Come esercizio, giurerai di essere puntuale per una settimana da ora. Non sarai mai più in ritardo per i prossimi 7 giorni. 10 minuti di ritardo non sono più una cosa normale, è tardi ed è sbagliato. Che tu sia il Boss o un collaboratore, non hai il diritto di presumere che il tuo tempo sia più importante di quello di chiunque altro.

Quindi ecco alcuni suggerimenti per smettere di essere un ritardatario abituale.

Suggerimenti per smettere di arrivare in ritardo

1. Informa la persona interessata che sarai in ritardo

Se arriverai in ritardo di 5 minuti rispetto all’orario, dovete inviare all’altra parte un messaggio o una telefonata per informarla che arriverete in ritardo e per quale motivo (vero!)

Se ti stai chiedendo, puoi informare l’altra parte ed essere in ritardo ogni giorno? Certo, provalo. Ti posso garantire, se hai un grammo di rispetto per te stesso, smetterai di essere in ritardo. Oppure la tua responsabilità di essere in ritardo di volta in volta ti impedirà di informare del tutto.

2. Accetta il fatto di essere in ritardo a causa tua

Esistono due categorie di ritardatari.

  1. Primo: quelli che sanno di essere in ritardo, ma se ne fregano del loro problema. In effetti, potrebbero persino essere orgogliosi di dare l’impressione di avere cose da fare. Cazzate! Se sei uno di loro, sappi che le persone sono già frustrate da questa tua stupida abitudine. Nessuno ti ammira per questo e hai infastidito abbastanza persone. Sbarazzati della stupida abitudine.

  2. Secondo: quelli che sono in ritardo, ma credono che sia sempre per un motivo o per l’altro. Questa categoria di persone crede che il traffico, il lavoro extra che è saltato fuori o l’amico che si è imbattuto in loro fosse la ragione del ritardo. Non sono mai loro stessi la causa del ritardo. Se sei uno di loro, ricorda che sei sempre tu il responsabile.

Indipendentemente dalla categoria a cui appartieni, sei tu il motivo del ritardo, punto.

Anche gli altri affrontano lo stesso traffico e non hanno un elicottero, anche gli altri hanno anche amici che incontrano, imprevisti, scadenze, etc.

Sei in ritardo solo perché hai stabilito un intervallo di tempo mentale che ritieni accettabile e ti va bene essere in ritardo.

Per alcuni è di 15 minuti, per altri è di 30 minuti e per i ritardatari cronici, possono essere anche ore. In base alla finestra temporale mentale che ti sei prefissato, pianifichi la tua partenza di conseguenza e alla fine dai la colpa alla circostanza. Non è mai stata la circostanza, ma il tuo processo mentale a farti arrivare in ritardo.

3. Smettila di inventare scuse

Se sei un ritardatario abituale, le scuse che stai inventando sono solo scuse per te stesso. Ad altri non importa perché sei in ritardo. Sono frustrati perché sei in ritardo e il motivo non fa differenza perché sanno meglio che non ci si può fidare delle tue ragioni.

4. Ricordati che ogni volta perdi un poco di rispetto

Ogni volta che arrivi in ritardo, ricorda a te stesso quanto saresti infastidito se fossi dall’altra parte. Inoltre, ricorda che ogni volta che lo fai, perdi un po’ di rispetto; un po’ di rispetto da parte tua e un po’ di rispetto dall’altra persona che aspetta.

5. Smetti di rimandare la partenza

Se sei cronicamente in ritardo, di solito hai una barriera che ti ritarda dal fare il primo passo. Sei in ritardo per la riunione perché non vuoi alzarti dal letto. Sei in ritardo per la palestra perché non vuoi cambiarti d’abito. Sei in ritardo per la festa perché non vuoi scegliere i vestiti da indossare.

Qualunque sia la barriera, se la superi, tornerai ad essere puntuale. Puoi rompere la barriera utilizzando un conto alla rovescia. Ad esempio, se sei pigro a vestirti per andare in palestra, fai un conto alla rovescia 3 … 2 … 1 e fallo. Il conto alla rovescia aiuta a superare la barriera perché ora stai lavorando con una scadenza.

Conclusione

In sintesi, essere puntuali è uno stile di vita. Imparare a smettere di essere in ritardo è più una mentalità che un consiglio da seguire perché sai già cosa devi fare per essere puntuale.

Se cerchi di essere puntuale solo per riunioni importanti, ma mantieni il tuo vizio per altre situazioni non sarai mai puntuale. È più una mentalità in cui prendi una ferma decisione sugli impegni di tempo. Più rispetti il tempo degli altri, più guadagni rispetto. Quando lo segui con disciplina, più persone ti considereranno un punto di riferimento della puntualità.

Rendi la puntualità un’abitudine in ogni momento. Più consideri la tua puntualità come un problema a lungo termine che come un sintomo occasionale, prima lo supererai.

Grazie per aver letto questo articolo su come e perché essere puntuali.

E tu? Quanto sei bravo a gestire il tuo tempo?

Scopri il mio servizio di Performance Coaching.

Fonti bibliografiche

  • Ann M. Graybiel and Kyle S. Smith, GOOD HABITS, BAD HABITS 2014
  • Jager, W. Breaking ‘bad habits’: a dynamical perspective on habit formation and change 2003
  • Quinn, Pascoe, Wood, Can’t Control Yourself? Monitor Those Bad Habits 2010
  • Eerde, Procrastination at Work and Time Management Training, 2010
  • Goyal, Ilmanen, Kabiller, Bad Habits and Good Practices, 2015
  • De Holan, Phillips, Nelson, Lawrence, Thomas, Managing Organizational Forgetting 2004
  • Ekanem, Breaking Bad Habits 2016

I migliori libri su gestione del tempo e organizzazione personale

Digita sul titolo o sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

Categorie

CORSI ONLINE

Programmi di miglioramento e crescita personale per potenziare le abilità di gestione del tempo, organizzazione personale.

Lascia un commento

Informazioni sull' autore

Ciao, sono Matteo Rocca, imprenditore, autore ed Executive Business Coach ACC ICF con circa 20 anni di esperienza imprenditoriale e manageriale in Italia e all’estero. La mia esperienza mi ha permesso di entrare in contatto con culture molto diverse, che hanno arricchito il mio bagaglio professionale e personale.Da sempre appassionato di Coaching e crescita personale, ora come Mental Coach aiuto imprenditori e manager a ottenere risultati grazie a nuovi strumenti, metodologie e competenze. Li supporto nella gestione di progetti d’innovazione e cambiamento, con percorsi di Coaching e Formazione, individuali e collettivi, per migliorare le prestazioni professionali.
Share via
Copy link