fbpx

Formati

Strategie pratiche per imparare a dire di NO

strategie pratiche per imparare a dire di NO

INDICE

Dire di sì a tutti e sempre equivale a non dare importanza a se stessi. Che tu lo faccia per paura di ferire gli altri o perché così pensi di avere la loro considerazione, dire sempre sì può essere molto stressante. Impara a dire di no seguendo questi consigli.

È constatato che non si può mai essere produttivi se si assumono troppi impegni, si disperdono le energie su più fronti e non si sarà in grado di fare nulla, almeno non bene o in tempo. Il problema è che in svariate occasioni e più persone chiedono costantemente il tuo intervento. Le richieste arrivano ogni giorno, tramite telefono, mail, sms o di persona. Per rimanere produttivo e ridurre lo stress, devi imparare a dire no più spesso, caratteristica che molte persone faticano ad avere.

Cosa c’è di così difficile nel dire di no? In primis può ferire, irritare o deludere la persona a cui stai dicendo “no”, e di solito non è un compito divertente. In secondo luogo, se speri di lavorare con quella persona in futuro, vorrai continuare ad avere un buon rapporto con quella persona e dire “no” nel modo sbagliato può compromettere la futura relazione.

5 modi per dire NO educatamente

Strategie pratiche per imparare a dire NO

#1 Rifiuta la richiesta non la persona.

Ricorda che stai rifiutando una richiesta, non una persona. Facilmente chi ha chiesto il tuo tempo potrà rimanerci male, perciò sii delicato, assertivo e spiega le reali motivazioni del tuo rifiuto. Le persone di solito capiranno che è tuo diritto dire di no, così come è loro diritto chiedere il favore.

#2 Valorizza il tuo tempo.

Conosci i tuoi impegni e quanto il tuo tempo è prezioso, quindi, quando qualcuno ti chiede di dedicare un po’ del tuo tempo a un nuovo impegno, saprai che semplicemente lo farai se ti porterà più risultati rispetto a quelli che ora hai. Puoi dire: “Non posso proprio ora, sono molto impegnato in progetti importanti”.

#3 Definisci le tue priorità.

Anche se hai del tempo extra (che spesso per molti di noi è raro), questo nuovo impegno, che ti viene richiesto e che non hai deciso tu è davvero il modo in cui vuoi passare quel tempo? Per quanto riguarda me, so che più impegni significano meno tempo con la mia famiglia o per il mio tempo libero, che sono più importanti per me di ogni altra cosa.

#4 Prevenire.

Spesso è molto più semplice anticipare le richieste piuttosto che dire loro “no” dopo che la richiesta è stata effettuata. Se sai che è probabile che vengano fatte richieste, magari durante una riunione, dì a tutti quali saranno i tuoi impegni e le eventuali disponibilità per i giorni seguenti. Chiarisci in anticipo le responsabilità, le deleghe e su quali aspetti vuoi essere coinvolto. Previeni anticipando quelli che potrebbero essere i problemi e concorda eventuali soluzioni.

#5 Esercitati a dire “No”.

La pratica è determinante, dire “no” il più spesso possibile è un ottimo modo per sentirsi meglio e sentirsi più a proprio agio nel pronunciare quella minuscola parola. A volte, ripetere la parola “no” è l’unico modo per trasmettere un messaggio a persone estremamente persistenti. Quando continuano a insistere, tu continua a dire di no. Alla fine, riceveranno il messaggio.

#6 Evita di scusarti.

Un modo comune per iniziare è “Mi dispiace ma …” poiché la gente pensa che suona più educato. Mentre la cortesia è importante, scusarsi fa solo sembrare più debole. Devi essere molto risoluto e poco dispiaciuto nel proteggere il tuo tempo, in fin dei conti sei tu che definisci le tue priorità, non quelle di chi chiede il tuo tempo.

come dire di no

#7 Smetti di essere esageratamente gentile.

Essere educati è molto importante, ma essere estremamente gentili dicendo di sì sempre e comunque ti fa solo del male. Quando tu abitui le persone a prendere il tuo tempo, col passare delle settimane continueranno a farlo, e probabilmente sempre di più. Se costruisci delle difese, i “ladri di tempo” cercheranno obiettivi più facili. Mostra loro che il tuo tempo è importante e tu sei seriamente intenzionato a difenderlo rifiuta le richieste che non portano vero valore alla tua vita professionale o privata.

#8 Di’ no anche al tuo capo, spiegando le tue ragioni.

A volte senti di dover dire necessariamente sì al tuo capo, se dici “no” potrebbe sembrare non vuoi lavorare o non sei in grado di portare a termine la commissione. Questo è il ragionamento comune, ma in realtà, è il contrario. Spiega al tuo capo che assumendo troppi impegni, stai peggiorando la tua produttività e compromettendo la buona riuscita e nel tempo utile degli impegni precedenti. Se il tuo capo insiste sul fatto che accetti il progetto, valutalo bene, controlla l’elenco delle attività e chiedigli di ridefinire le priorità, concordando scadenze precise e realistiche.

#9 Valuta un compromesso.

Fallo solo se ritieni veramente di valore per te la richiesta che ti viene avanzata, ma hai poco tempo a disposizione. Suggerisci modi per soddisfare entrambi o scambia impegni, ridefinendo le responsabilità. Scendi a compromessi solo se ha senso l’attività, non farlo per evitare di dire di no.

#10 Prendi tempo e valuta bene prima di rispondere.

Invece di rispondere di fretta o in automatico, è spesso meglio dire alla persona che valuterai la sua richiesta e le farai sapere. Ciò ti consente di verificare i tuoi impegni, valutare la proposta ed eventualmente accettare. Nel caso in cui non puoi accettare la richiesta puoi sempre dire che “dopo aver riflettuto attentamente sulla richiesta, in base alle priorità e agli impegni, al momento non sei materialmente in grado di soddisfarla.” Almeno ci hai pensato.

#11 Posticipa.

Se accettare la richiesta è un’opzione che vorresti tenere aperta, invece di dire di no, è spesso meglio semplicemente dire, “Sembra un’opportunità interessante, ma al momento non ho tempo. Forse potremmo riparlarne…”

#12 Declina se non ti ritieni adatto.

Spesso, la persona o il progetto sono buoni, ma non sono proprio adatti a te, o almeno non in questo momento. Dillo semplicemente, complimentati per l’idea, il progetto, la soluzione, l’attività, ma spiega Alla prossima richiesta di’ di no e motiva.

Scrivi le richieste che ti stressano e 3 modi per dire di no.

Definisci le tue priorità lavorative per le prossime due settimane.tranquillamente che non ti senti adatto o la persona che può portarlo a termine con il miglior risultato. Fornisci poi suggerimenti alternativi.

blank

Spunti di riflessione

A quali persone dici sempre sì?

Ti stressa dire sempre sì?

Quali sono i tuoi timori riguardo al fatto di non riuscire a dire no?

Buon lavoro e buona vita!

E tu? Quanto sei bravo a gestire il tuo tempo?

Scopri il mio servizio di Performance Coaching.

Fonti bibliografiche

  • Ann M. Graybiel and Kyle S. Smith, GOOD HABITS, BAD HABITS 2014
  • Jager, W. Breaking ‘bad habits’: a dynamical perspective on habit formation and change 2003
  • Quinn, Pascoe, Wood, Can’t Control Yourself? Monitor Those Bad Habits 2010
  • Eerde, Procrastination at Work and Time Management Training, 2010
  • Goyal, Ilmanen, Kabiller, Bad Habits and Good Practices, 2015
  • De Holan, Phillips, Nelson, Lawrence, Thomas, Managing Organizational Forgetting 2004
  • Ekanem, Breaking Bad Habits 2016

 

Approfondimenti suggeriti

I migliori libri per migliorare le proprie abitudini

Digita sul titolo o sull’immagine per maggiori informazioni, dettagli e recensioni.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x

RIMANI AGGIORNATO

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"
Ricevi aggiornamenti e contenuti riservati.

GESTIONE DEL TEMPO
e
ORGANIZZAZIONE PERSONALE

"Non è solo importante lavorare di più, è fondamentale LAVORARE MEGLIO!"

Scopri il PERCORSO PRODUTTIVITA' per ottenere più risultati in meno tempo.

Share via
Copy link